Novità dai principali mercati. Le pillole di Aretè su noci e succo d’arancia

Ogni settimana Aretè invia gli highlight principali sugli andamenti dei mercati delle maggiori commodity agrifood. Oggi: noci e succo d'arancia.

0
119

Ogni settimana Aretè invia gli highlight più significativi sugli andamenti dei mercati delle principali commodity agrifood, per garantire sempre di disporre di dati aggiornati dalle fonti più autorevoli.

Noci

Il mercato delle noci cilene sta attraversando una fase rialzista. Da inizio marzo, il prezzo della noce sgusciata cilena Chandler 80 LHP ha registrato un aumento del 26%, raggiungendo i livelli più alti da gennaio 2022. Secondo le analisi di Areté, gli aumenti sono riconducibili a un raccolto 2024 inferiore di oltre il 15% rispetto allo scorso anno, in un contesto di stock bassi. I rialzi si sono trasmessi anche ai prezzi del prodotto statunitense che, da metà aprile, sono aumentati del 9% anche sulla scia di una domanda particolarmente sostenuta.

Succo d’arancia

Le analisi Areté mostrano come i future del succo di arancia solo nel 2024 abbiano evidenziato un rialzo di oltre il 50% attestandosi su valori superiori ai 450 c$/lb (circa il 70% in più rispetto a 12 mesi fa e valori quasi tripli rispetto al 2022). In un contesto di domanda congiunturalmente rigida, a pesare sono shock produttivi nelle principali aree produttive globali. In Brasile, primo produttore, la siccità estrema ha portato la fondazione di ricerca Fundecitrus a prevedere un calo nella produzione di arance 2024/25 di oltre il 24%. Lo shock si va a sommare ai cali produttivi di succo di arancia che si sono verificati in USA e Messico (terzo e secondo produttore globale) nel 2023; secondo i dati del Dipartimento dell’Agricoltura Usa (USDA) rispettivamente -35% e -47%.

Fonte: Horecanews.it