“Direttive colazione” approvate: più trasparenza in Europa su miele, confetture e succhi di frutta

Dopo il via libera definitivo, la legge europea assicura una maggiore trasparenza sul commercio di prodotti come miele, confetture e succhi di frutta.

0
2

Dopo il via libera definitivo, la legge con il pacchetto di manovre che assicurano una maggiore trasparenza sul commercio di prodotti come miele, confetture e succhi di frutta nell’Unione Europea, e per questo conosciuta come “direttive colazione”, sarà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE ed entrerà in vigore 20 giorni dopo la sua pubblicazione. Le nuove misure saranno applicabili in tutta l’unione dopo due anni.

La revisione delle regole UE mira ad aiutare i consumatori a prendere decisioni informate e più sane su prodotti come miele, succhi di frutta, marmellate, gelatine e confetture.

Miele.

Si sospetta che gran parte del miele importato da paesi terzi sia adulterato con zucchero e non venga rilevato sul mercato dell’Unione Europea.

Per contrastare tali frodi e informare meglio i consumatori, i negoziatori hanno convenuto di rendere obbligatorio indicare chiaramente, nello stesso campo visivo del nome del prodotto, i paesi da cui proviene il miele. Dovranno inoltre essere indicate le percentuali di miele proveniente almeno dai primi quattro paesi di origine. Se questo non rappresenta più della metà del miele totale, occorre indicare le percentuali per tutti i Paesi.

A seguito di studi di fattibilità e per limitare ulteriormente le frodi, la Commissione proporrà un codice identificativo unico o una tecnica simile per poter risalire al miele fino agli apicoltori. È stato inoltre concordato che dovrebbe essere istituita una piattaforma di esperti dell’UE per raccogliere dati per migliorare i controlli, individuare l’adulterazione nel miele e fornire raccomandazioni per un sistema di tracciabilità dell’UE che consenta di risalire al miele fino al produttore o all’importatore che lo raccoglie.

Il mercato del miele in Europa.

L’Unione europea è il secondo produttore di miele al mondo dopo la Cina. Ogni anno circa 600.000 apicoltori producono 250.000 tonnellate di miele usando 17 milioni di alveari. I dati aggiornati sono consultabili su europarl.europa.eu

Succhi di frutta, confetture e marmellate.

Per le confetture e le marmellate la regola generale sarà che per produrre 1 chilo di confetture e marmellate dovranno essere utilizzati almeno 450 grammi di frutta (500 grammi per la “confettura extra” di alta qualità).

Sulla base della proposta del Parlamento si è inoltre deciso di autorizzare l’etichetta “contiene solo zuccheri naturali” per i succhi di frutta. Inoltre, per soddisfare la crescente domanda di prodotti a basso contenuto di zucchero, è stato concordato che i succhi di frutta riformulati possano essere etichettati come “succhi di frutta a ridotto contenuto di zuccheri” se almeno il 30% degli zuccheri naturali è stato eliminato. Tuttavia, i produttori non possono utilizzare dolcificanti per compensare l’effetto della riduzione dello zucchero sul gusto, sulla consistenza e sulla qualità del prodotto finale.

Fonte: Horecanews.it