Acetificio Mengazzoli: in anteprima a Cibus la nuova Linea Organic

0
3

Cibus, il salone internazionale dell’alimentazione, è l’evento fieristico più importante in Italia e tra i primi in Europa nel settore food che mette sempre al centro proposte innovazioni di prodotto e di packaging. Non poteva quindi mancare la partecipazione dell’Acetificio Mengazzoli, che da sempre fa dell’innovazione uno dei suoi punti di forza, senza dimenticare la tradizione secolare del settore.

Infatti, oltre a presentare i classici Aceto Balsamico di Modena IGP, Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, Aceti di vino, di mele e di frutta, in anteprima al Cibus debutterà la Linea Organic. Una nuova linea di aceti biologici caratterizzati dall’aromaticità della mela e del melograno, dal gusto pieno e versatile degli aceti di vino e dall’aroma delicato dei condimenti.

La Linea Organic si contraddistingue anche per l’impegno dell’Azienda di Levata nei confronti della sostenibilità ambientale. L’Acetificio Mengazzoli, infatti, da anni adotta diverse pratiche volte a limitare l’impatto ambientale, tra cui la riduzione dell’uso di plastica eliminando, ad esempio, la capsula “copritappo” di alcune linee di prodotto, l’utilizzo di etichette in materiale riciclato, l’implementazione dell’utilizzo di plastica Rpet per i prodotti everyday e la diminuzione del peso delle bottiglie di vetro. Inoltre, i processi produttivi non prevedono trattamenti termici, si utilizzano fonti energetiche rinnovabili e si adottano tecniche e tecnologie atte al risparmio di energia e acqua nella lavorazione.

«L’Acetificio Mengazzoli, fedele alla sua radicata tradizione nell’arte dell’aceto, si distingue per il proprio dinamismo nel cercare sempre nuove frontiere, sia nel gusto sia nel packaging, con un costante focus sulla sostenibilità. In questa prospettiva, l’Azienda si impegna a pianificare investimenti nei prossimi due anni, puntando innanzitutto su tecnologie avanzate e rispettose dell’ambiente e delle persone», sottolineano Elda e Cesare Mengazzoli, titolari dell’azienda.

Fonte: Horecanews.it