Bord Bia: export di carne irlandese in Italia per 448 milioni di euro

0
3

Bord Bia, ente governativo per la promozione dei prodotti food & beverage irlandesi, svela i dati della ricerca condotta sui consumatori italiani per capire quale sia la reale percezione rispetto alle eccellenze dell’Isola di Smeraldo. Anno dopo anno i risultati emersi diventano sempre più interessanti: nel 2023, infatti, sono stati esportati nel Bel Paese prodotti irlandesi per un totale di €448M, il 57% di questo totale è dato dall’esportazione della carne irlandese mentre il 13% è dato dai prodotti ittici irlandesi.

Rimane stabile l’interesse per il consumo di carne rossa in Italia nonostante i trend del momento che vedono in leggero aumento la vendita di prodotti di origine vegetale. Il 24% degli intervistati acquista meno carne ma di maggiore qualità, questo ingrediente, infatti, viene considerato come una buona fonte di proteine dalla maggior parte dei nostri connazionali (89%). Gli italiani, inoltre, confermano la loro attenzione nei confronti delle materie prime di qualità: il 32% degli intervistati identifica la carne di manzo come prodotto premium se allevata con metodo Grass Fed. Ed è proprio in questo scenario che si inseriscono i dati sul consumo di carne Irlandese in Italia: il 36% considera la carne irlandese come un prodotto con un buon rapporto qualità/prezzo proprio perché allevata all’aria aperta e con una dieta a base di erba fresca dei verdi prati irlandesi. Dalla ricerca emerge come l’alimentazione Grass Fed rimane un importante driver di acquisto nel mercato italiano. Grande attenzione viene data soprattutto alla tipologia di carne acquistata: il 58% dei consumatori acquista carne bovina irlandese che si stabilisce al 2° posto nella classifica delle carni di origini europee, sicuramente un dato importante soprattutto se valutato rispetto a uno scenario importante come quello italiano. Cresce anche l’acquisto di carne di agnello irlandese la cui vendita, nel 2023, ha raggiunto il +9%.

Anno dopo anno i dati di questa ricerca mostrano come i consumatori italiani apprezzino sempre di più la carne irlandese. Il 24% dei consumatori afferma di acquistare meno carne ma di maggiore qualità. Proprio la qualità è il grande driver di scelta per l’acquisto di carne proveniente dall’Isola di Smeraldo, una motivazione sempre più forte perché sinonimo di un prodotto con altissimi valori nutrizionali perché allevata seguendo il metodo Grass Fed.” – afferma Francesca Perfetto, di Bord Bia.

Ma se in Italia la situazione è più che favorevole, cosa succede in Europa?  Ampliando lo sguardo notiamo come la carne rossa stia diventando sempre più un alimento prediletto anche nel vecchio continente, una scelta sicura per pranzi o cene. Qui, rispetto allo scorso anno, cresce il consumo di bistecche di manzo irlandese soprattutto in Regno Unito (+10%), in Francia (+24%) e in Germania (+ 5%).