Spezie ed erbe aromatiche: l’indagine di Cannamela ed AstraRicerche

0
322

Il 2023 ha visto un’impennata nei consumi di spezie ed erbe aromatiche in Italia, alimentando un fervore culinario che ha contagiato gli amanti del buon cibo di tutto il paese. Con un aumento delle vendite del 1,9% in volume, il mercato ha superato la soglia delle 100 milioni di confezioni vendute, generando un giro d’affari di quasi 180 milioni di euro¹.

Uno dei principali motori di questo trend è senz’altro la crescente voglia di sperimentare a tavola. Più di un terzo degli italiani ha dichiarato di utilizzare spezie ed erbe aromatiche soprattutto per il piacere della scoperta, per l’emozione di provare qualcosa di nuovo e per creare affascinanti combinazioni di sapori.

Le spezie evocano la voglia di viaggiare e avventure culinarie, trasformando ogni piatto in un’esperienza sensoriale ricca di sfumature. Utilizzarle in cucina è come intraprendere un viaggio attraverso il gusto e l’immaginazione.

Questi dati emergono da uno studio condotto da Cannamela, leader nel settore delle spezie e degli aromi in Italia, in collaborazione con AstraRicerche. L’indagine ha coinvolto 1000 italiani di età compresa tra i 18 e i 65 anni, con l’obiettivo di esplorare il rapporto dei consumatori italiani con le spezie ed erbe aromatiche, evidenziando una crescente curiosità verso nuovi sapori e profumi in cucina.

A TAVOLA BENE LA TRADIZIONE, MA C’È VOGLIA DI ESOTICO ED ETNICO

Gli italiani sono sempre più propensi a coniugare le nostre tradizioni alimentari con la voglia di viaggiare nel mondo, anche quando sono nella loro cucina. Dati Nielsen² confermano che 1 italiano su 2 preferisce la cucina etnica tanto quanto quella ‘nostrana’ (o persino preferisce quella non nazionale), con circa 14 milioni di connazionali che hanno mangiato in ristoranti e locali di cucina etnica (e quasi 3 milioni lo ha fatto regolarmente, più di una volta a settimana). Anche lo studio Cannamela-AstraRicerche conferma questo trend per tutte le fasce di età, con valori particolarmente elevati presso i più giovani (18-24enni). Di fronte al piacere di sperimentare, di provare qualcosa di nuovo, di creare nuovi abbinamenti di sapori (preferenze indicate dal 35.1% del campione), questa voglia è ancor più forte tra le donne (37%), i giovani (25-34enni: 41%) e nei grandi centri urbani (41%). Per 1 italiano su 6 (16.6%), inoltre, la curiosità e la sperimentazione non sono semplicemente alcuni dei motivi per usare le spezie in cucina, ma sono “i” motivi; questo valore, infatti, è trasversale ai generi, alle fasce di età, alle aree geografiche con due interessanti eccezioni: raggiunge un picco presso i 25-34enni (23%) e nel Triveneto (21%).

ALLA SCOPERTA DI NUOVI SAPORI

Secondo la ricerca Cannamela-AstraRicerche, le spezie suscitano un forte senso di scoperta: il 58.9% pensa al profumo o gusto che possono dare a un piatto, magari quelli tipici di tradizioni culinarie di altri Paesi del mondo (29.3%), o al colore del piatto (spesso diverso e sorprendente grazie a piccole aggiunte nelle ricette), o all’effetto-sorpresa dato da una spezia o erba aromatica non usata prima o poco nota (20.7%).
Questo viaggio nei sapori, colori, profumi del mondo è una delle caratteristiche fondamentali delle spezie: per il 75.8% dei rispondenti usandole è facile preparare ricette della tradizione di altri Paesi.

Questi dati sono stati diffusi in vista della 41ma edizione di Macfrut, fiera internazionale dell’ortofrutta in programma al Rimini Expo Centre dall’8 al 10 maggio 2024, dove Cannamela sarà tra i protagonisti di Spices & Herbs Global Expo, primo salone in Europa dedicato al mondo di spezie, erbe officinali ed aromatiche. Alla Fiera di Rimini, Cannamela presenterà cinque nuove spezie della sua Linea Oro – Ibisco, Basilico Santo (Tulsi), Liquirizia, Nigella e Pepe di Sichuan – ed un programma di attività, che prevede anche uno speciale show cooking curato dalla food blogger Bettina Balzani (8 maggio ore 13:30, pad. B1 stand 092).

«Da sempre la selezione all’origine e la qualità delle materie prime sono i nostri punti di forza – afferma Manuela Villa, Head of Marketing Food di Gruppo Montenegroinsieme alla capacità di innovare e di saper intercettare i gusti in evoluzione del consumatore. Grazie a questo “saper fare” oggi siamo quindi in grado di guardare con attenzione ai trend emergenti, come ad esempio l’interesse crescente delle giovani generazioni – in particolare Gen Z – verso sapori che guardano sempre più a piatti provenienti da altre culture. D’altra parte, l’indagine che abbiamo condotto con AstraRicerche conferma questa tendenza, a cui abbiamo voluto dare seguito con il lancio di 5 nuove intriganti spezie che presenteremo nel corso di Macfrut. Tutto ciò con l’obiettivo di continuare a fare la differenza all’interno del nostro mercato di riferimento, che oggi si conferma in salute ed in crescita e dove come brand siamo non a caso leader, coprendo più del 21% della quota in volume (confezioni) del canale Iper+Super, il principale per la categoria Erbe e Spezie».

¹Fonte: NielsenIQ

²Fonte: dati Nielsen Aprile 2023

CANNAMELA
Cannamela è una marca solida e all’avanguardia, da oltre 60 anni sinonimo di spezie ed erbe aromatiche. La leadership di Cannamela è il frutto di una forte visione orientata a sostenere il valore della marca, dell’investimento in tecnologie all’avanguardia su tutta la filiera e del controllo completo di tutto il processo produttivo, a partire dall’acquisto delle materie prime, che viene effettuato direttamente nei paesi di origine.
Nel corso degli anni è stato implementato un importante percorso nelle aree della Ricerca & Sviluppo e del Consumer Marketing con un forte orientamento alla qualità dei prodotti e all’innovazione, con una focalizzazione sui bisogni del consumatore. Con l’obiettivo di coniugare tradizione e modernità nei nuovi prodotti e nuovi formati, l’azienda investe ogni anno ingenti risorse nella ricerca e nello sviluppo di una sempre più ampia offerta capace di seguire l’evoluzione delle più attuali esigenze alimentari.
Grazie alla intensa passione, all’incredibile livello di specializzazione e ad una gamma di prodotti straordinariamente ampia, Cannamela è da sempre brand leader incontrastato nel settore.
GRUPPO MONTENEGRO
Fondato nel 1885, Gruppo Montenegro è una realtà imprenditoriale italiana leader di mercato nei settori alimentare e bevande alcoliche che vanta brand da sempre nell’immaginario degli italiani: Amaro Montenegro, Vecchia Romagna, Infusi Bonomelli, Thè Infrè, Olio Cuore, Spezie Cannamela, Polenta Valsugana, Pizza Catarì.
Iconici simboli del Made in Italy, rappresentano al meglio la costante ricerca dell’eccellenza nel rispetto della tradizione e l’attenzione particolare alla qualità dei prodotti e alla loro sostenibilità che da sempre contraddistinguono Gruppo Montenegro.
Grazie ad una solida rete distributiva nazionale e internazionale, i brand del Gruppo si confermano ancora oggi dei veri e propri ambasciatori della cultura e della tradizione italiana.

 

Fonte: Horecanews.it