Regolamento imballaggi. Messa al bando degli imballaggi e obbligo di riuso dividono l’ENVI

0
9

La proposta di regolamento su imballaggi e rifiuti da imballaggio (PPWR) è motivo di dibattito e preoccupazione per i settori interessati e mostra una forte spaccatura all’interno della stessa Commissione Ambiente UE (ENVI).

Sugli articoli 22 (messa al bando di intere categorie di imballaggi per ortofrutta e horeca) e 26 (obblighi di riuso nella ristorazione collettiva veloce) il margine dei voti a favore è stato contenuto, con una maggioranza di appena 4 voti su 84 totali.

“Questa spaccatura” – dichiara Mauro Salini, Presidente di Pro Food – è forse causata dai timori che stanno emergendo a proposito delle enormi ripercussioni che queste norme avrebbero sui sistemi di distribuzione dei prodotti ortofrutticoli (per i quali l’Italia vanta una posizione di leadership), sulla ristorazione di massa, sulle stesse esigenze di consumo dettate dalla vita moderna, e sull’accesso democratico a una alimentazione sicura”.

Anche rispetto all’impatto ambientale complessivo di questo provvedimento non vi sono reali dati a cui fare riferimento.

Nel percorso legislativo deve ancora esprimersi il Consiglio dell’Unione europea, in cui hanno voce i governi nazionali: “L’auspicio – continua Mauro Salini – è che in tale fase l’Italia faccia da capofila di altri paesi, a tutela non solo degli imballaggi in plastica, che in Europa oggi sono correttamente prodotti, usati e smaltiti, ma soprattutto della qualità e del valore di prodotti come frutta e verdura, dell’efficacia e dell’economicità dei sistemi di ristorazione di massa, della sicurezza dei consumatori e infine, non meno importante, a tutela di migliaia di posti di lavoro”.

Intanto la partita si sposta in assemblea plenaria, dove è indispensabile che l’approccio ideologico lasci il posto a una maggiore attenzione alle reali esigenze dei cittadini europei, nel rispetto di una sostenibilità che per definirsi tale deve essere ambientale, economica e sociale.

ProFood è il gruppo merceologico interno a Federazione Gomma Plastica (Confindustria), che raccoglie 14 aziende italiane produttrici di contenitori in materie plastiche destinati al confezionamento, alla distribuzione e al consumo di alimenti e bevande. Le Aziende associate a ProFood impiegano circa 4500 addetti dislocati in 29 impianti produttivi in Italia e all’estero, sviluppano un fatturato di 1,5 mld€ e rappresentano oltre il 70% della produzione italiana di settore (EPD imballaggi).