Zio Rocco: lunghissime code per il “Cuore caldo”

0
6

Tutti in fila per i cornetti gourmet del pastry chef Rocco Cannavino, alias “Zio Rocco”. Ogni sera i suoi Lab Store di Napoli e di Pomigliano d’Arco sono presi d’assalto da centinaia di golosi. Stavolta la coda chilometrica è tutta per il nuovo “Cuore caldo”, una morbidissima pasta brioche al cioccolato, con gocce di cioccolato croccanti, crema gianduia e crema al cioccolato fondente. Tutti i mesi, infatti, c’è grande attesa per il lancio di un nuovo prodotto “limited edition”.

I golosi arrivano da ogni parte d’Italia, complice il successo su Tik Tok e su Instagram, dove spopolano le foto e i video delle file di fan di Rocco, che si formano all’esterno degli store, e sono seguitissime le dirette in cui annuncia la nuova prelibatezza a edizione limitata.

Le creazioni di “Zio Rocco” non passano mai inosservate, tanto che la rivista Italia Squisita lo ha scelto come cornetto italiano nel mondo. Tra i dolci più richiesti: la brioche pandoro, il pansfoglia, l’ischitano, frutto di intenso studio e sperimentazione, con massima attenzione all’estetica. Ricette cliccatissime nel circuito di Acadèmia.tv e che per ben due volte sono entrate nella casa del Grande Fratello, con Cannavino ospite della trasmissione di Canale 5 condotta da Alfonso Signorini, dove ha tenuto delle divertenti lezioni di pasticceria.

Il pasticcere napoletano continua nella sua missione: elevare i piccoli lievitati a prodotti di pasticceria gourmet, valorizzando i prodotti del territorio, fra i quali ci sono le farine di Mulino Caputo, particolarmente adatte anche per dolci e pasticceria. Ma nelle sue creazioni si percepisce l’influenza della sua esperienza a Londra al ristorante Quaglino’s, che vantava la consulenza dello chef Gordon Ramsay, e a Parigi al Bristol Hotel sotto lo chef Lauren.