Il primo trimestre 2024 di Newlat Food all’insegna di un’ottima marginalità

Si dice soddisfatto dei risultati del primo trimestre dell’anno Angelo Mastrolia, Presidente di Newlat Food SpA.

0
4

Il Consiglio di Amministrazione di Newlat Food SpA riunitosi sotto la presidenza di Angelo Mastrolia, ha esaminato ed approvato il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2024.
Il Presidente Angelo Mastrolia ha commentato: “Siamo molto soddisfatti dei risultati del primo trimestre dell’anno che confermano la nostra capacità di generare valore attraverso il miglioramento della marginalità e la generazione di cassa. In un contesto di mercato molto volatile e nonostante una base di confronto particolarmente sfidante (+19% nel primo trimestre 2023), i primi tre mesi del 2024 hanno visto il Gruppo confermare gli Euro 200 milioni di fatturato e accrescerne il profilo attraverso una migliore profittabilità. Le limitazioni operative legate lavori di ammodernamento che hanno interessato l’intero reparto forno e dei latti liquidi per l’infanzia dell’impianto di Ozzano Taro hanno sicuramente penalizzato la crescita del fatturato ma si tratta di un effetto temporaneo. Siamo certi che i nuovi investimenti favoriranno lo sviluppo del business sia in Italia che all’estero, in un settore in cui il know- how industriale gioca un ruolo determinante. La cassa generata nel trimestre ha ulteriormente ridotto l’indebitamento netto, rendendo ancora più flessibile la struttura finanziaria del Gruppo e ponendo le basi per nuovi e importanti passi nella crescita per linee esterne, su cui Newlat è sempre molto focalizzata e costantemente attiva su più fronti”.

I ricavi consolidati della Società nel primo trimestre 2024 sono stati pari a Euro 199,6 milioni, in lieve diminuzione rispetto al primo trimestre del 2023, pari a Euro 207,3 milioni.
Al netto delle poste straordinarie, l’Adj. EBITDA consolidato è risultato pari a Euro 18,8 milioni, in crescita del +3,9% rispetto a Euro 18,2 milioni del primo trimestre 2023; in termini di Adj. EBITDA margin si registra un aumento al 9,5% rispetto all’8,8% del primo trimestre 2023
L’EBITDA consolidato della Società è risultato pari a Euro 17,2 milioni, in crescita del +2,5% rispetto ai primi tre mesi del 2023. In termini di EBITDA margin si registra un aumento, passando dall’8,1% all’8,6%.
Il risultato operativo (EBIT) consolidato è pari ad Euro 8,5 milioni, in diminuzione del -13,2%, rispetto a Euro 9,8 milioni del primo trimestre 2023. Escludendo il provento da business combination realizzato nel corso del 2023 a seguito dell’operazione di acquisizione della società EM Foods, si registra un miglioramento del risultato operativo del 12,5% per effetto di una politica commerciale volta al recupero della marginalità.
Il risultato netto consolidato è pari a Euro 5,2 milioni, in diminuzione del -18,6% rispetto a Euro 6,4 milioni del primo trimestre 2023 il cui dato comparativo è influenzato del provento da business combination. Escludendo tale provento si registra un miglioramento del risultato netto consolidato del 25%.
La posizione finanziaria netta è passata da Euro -74,3 milioni, al 31 dicembre 2023, a Euro -66 milioni al 31 marzo 2024, grazie alla capacità del Gruppo di generare cassa dall’attività operativa.
L’Underlying Free Cash Flow raggiunge Euro 10,5 milioni, confermando l’ottima capacità del
gruppo di conversione dell’EBITDA in flussi di cassa.

Analisi dei ricavi consolidati
Nel primo trimestre del 2024, Newlat Food ha realizzato ricavi consolidati pari a Euro 199,6 milioni, in linea con il primo trimestre del 2023, pari a Euro 207,3 milioni, a parità di perimetro di consolidamento.

Ricavi per business unit

 

(In migliaia di Euro e in percentuale)

Periodo dei primi tre mesi chiuso

                    al 31 marzo                                                            

Variazioni
  2024 % 2023 % 2024vs2023 %
Pasta 55.504 27,8% 54.255 26,2% 1.249 2%
Milk Products 67.656 33,9% 67.473 32,5% 183 0%
Bakery Products 12.235 6,1% 12.091 5,8% 144 1%
Dairy Products 11.449 5,7% 11.169 5,4% 280 3%
Special Products 3.722 1,9% 11.780 5,7% (8.058) (68%)
Instant noodles & bakery mixes 46.164 23,1% 47.389 22,9% (1.225) (3%)
Altre attività 2.842 1,4% 3.176 1,5% (334) (11%)
Ricavi da contratti con i clienti 199.572 100,0% 207.333 100,0% (7.760) (3,7%)

I ricavi relativi al segmento Pasta risultano essere in aumento rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio per effetto di incremento dei volumi di vendita nonostante una riduzione del prezzo medio di vendita.
I ricavi relativi al segmento Milk Products risultano essere in linea con lo stesso periodo del precedente esercizio per effetto di un aumento dei volumi di vendita ed una diminuzione del prezzo medio.
I ricavi relativi ai segmenti Bakery Products e Dairy Products risultano essere entrambi in leggero aumento per effetto di un incremento dei volumi di vendita.
I ricavi relativi al segmento Special Products risultano essere in diminuzione, come conseguenza di un decremento dei volumi di vendita legato agli investimenti effettuati presso lo stabilimento di Ozzano Taro. Tali investimenti, cruciali per mantenere lo stabilimento in prima linea come centro di eccellenza per la nutrizione specializzata, includono un completo rinnovamento del reparto forno con l’introduzione di un nuovo forno moderno e di una linea di confezionamento avanzata e completamente automatizzata, progettati per ampliare la capacità produttiva di biscotti e sostituti del pane, sia classici che senza glutine e a basso e alto contenuto proteico. In aggiunta, sono state installate tecnologie all’avanguardia anche nel reparto dei latti liquidi e bevande dello stabilimento, in particolare si sta investendo in nuove tecnologie per la preparazione e il trattamento termico dei prodotti, con confezionamento in asettico che preserva le proprietà nutrizionali delle bevande. È inoltre in corso lo sviluppo di bevande e formulazioni ad alto valore nutrizionale per adulti e bambini di età superiore a un anno, pensate per vari contesti di consumo, come sostitutivi del pasto, in diete proteiche, o come bevande isotoniche, enhanced water, energy drinks e sport drinks. Tali migliorie renderanno il centro di Ozzano Taro, da sempre sinonimo di qualità e nutrizione speciale e impianto unico nel suo genere in Italia, un punto di riferimento nella nutrizione speciale a livello europeo e mondiale.
I ricavi relativi al segmento Instant noodles & bakery mixes risultano essere in diminuzione per effetto di un decremento del prezzo medio di vendita.

Ricavi per canale distributivo

 

(In migliaia di Euro e in percentuale)

Periodo dei primi tre mesi chiuso al 31 marzo Variazioni
  2024 % 2023 % 2024vs2023 %
Grande Distribuzione Organizzata 126.087 63,2% 126.291 60,9% (204) (0%)
B2B partners 20.894 10,5% 27.763 13,4% (6.869) (25%)
Normal trade 18.995 9,5% 18.746 9,0% 249 1%
Private labels 30.740 15,4% 31.573 15,2% (833) (3%)
Food services 2.856 1,4% 2.960 1,3% (104) (4%)
Totale ricavi da contratti con i clienti 199.572 100,0% 207.333 100,0% (7.761) (3,7%)

I ricavi relativi al canale Grande Distribuzione Organizzata registrano un andamento lineare per effetto di un incremento dei volumi nel settore pasta e bakery compensati da un decremento del prezzo medio di vendita.
I ricavi relativi al canale B2B partners registrano un decremento per effetto di una diminuzione dei volumi di vendita nel settore special products.
I ricavi relativi al canale Normal trade registrano un incremento per effetto dei maggior volumi di vendita compensato dalla diminuzione del prezzo medio di vendita nel settore milk.
I ricavi relativi al canale Private label registrano un decremento per effetto di una diminuzione del prezzo medio di vendita nel comparto Pasta e Special Prodcuts.
I ricavi relativi al canale Food services registrano un decremento per effetto della diminuzione del prezzo medio di vendita nel settore altri prodotti compensato da un aumento dei volumi nel settore milk.

Ricavi per area geografica

 

(In migliaia di Euro e in percentuale)

Periodo dei primi tre mesi chiuso

al 31 marzo

Variazioni
  2024 % 2023 % 2024vs2023 %
Italia 97.772 49,0% 104.285 50,3% (6.513) (6%)
Germania 34.344 17,2% 33.928 16,4% 416 1%
Regno Unito 36.868 18,5% 37.871 18,3% (1.003) (3%)
Altri Paesi 30.589 15,3% 31.249 15,1% (660) (2%)
Totale ricavi da contratti con i clienti 199.572 100,0% 207.333 100,0% (7.760) (3,7%)

I ricavi relativi all’Italia diminuiscono, principalmente per effetto di un decremento dei volumi di vendita legato al settore special products.
I ricavi relativi alla Germania si incrementano, per effetto dell’aumento dei volumi di vendita nel settore Pasta parzialmente compensato da una diminuzione del prezzo medio di vendita.

I ricavi relativi al Regno Unito si decrementano, per effetto di un a diminuzione del prezzo medio di vendita rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio.
I ricavi relativi agli Altri Paesi si decrementano per effetto principale del prezzo medio di vendita.

Analisi della Posizione Finanziaria Netta e Cash Conversion

La posizione finanziaria netta al 31 marzo 2024 migliora e ammonta ad Euro -66 milioni rispetto ad Euro -74,3 milioni al 31 dicembre 2023. Escludendo gli effetti dell’IFRS 16, la PFN consolidata proforma risulta pari a Euro -22,3 milioni rispetto a Euro -29,5 milioni al 31 dicembre 2023.
Si conferma, inoltre, la capacità del gruppo di generare cassa un’alta performance di cash conversion ratio, pari al 85%.

Evoluzione prevedibile della gestione

Considerando il breve lasso di tempo storicamente coperto dal portafoglio ordini del Gruppo e le difficoltà ed incertezze della attuale situazione economica globale non risulta agevole formulare previsioni sull’andamento dell’esercizio in corso, che appare comunque molto positivo. Il Gruppo continuerà a prestare particolare attenzione al controllo dei costi ed alla gestione finanziaria, al fine di massimizzare la generazione di free cash flow da destinare sia alla crescita organica per via esterna che alla remunerazione degli Azionisti. Alla data di approvazione del presente resoconto intermedio è ancora in corso un conflitto in Europa che coinvolge la Russia e l’Ucraina e in Medio Oriente fra Israele e Palestina. I conflitti in corso e le tensioni sul canale di Suez causano molta incertezza sull’andamento dell’economia mondiale.
Tali eventi hanno condizionato e condizionano costantemente le scelte e le politiche commerciali del Gruppo che si trova di fronte ad un contesto altamente dinamico nel quale è difficile prevedere in quale misura i suddetti eventi possano avere ripercussioni significative sulle prospettive per il 2024, ma gli Amministratori ritengono, sulla base dei risultati raggiunti nel primo trimestre e delle informazioni disponibili, di escludere ragionevolmente impatti negativi significativi.

Il Gruppo Newlat è un primario player multinazionale, multi-brand, multi-prodotto e multi-canale nel settore agro-alimentare italiano e europeo, con un ampio portafoglio di prodotti e marchi di proprietà, conosciuti a livello nazionale e internazionale. Il Gruppo vanta un consolidato posizionamento nel mercato domestico, e una presenza rilevante sui mercati del Regno Unito, della Francia e della Germania nonché una importante presenza in altri 60 paesi ed è attivo principalmente nei settori pasta, lattiero-caseari, instant noodles, preparati per torte, prodotti da forno e prodotti speciali, in particolare health & wellness, gluten free e baby food.

Fonte: Horecanews.it