Il cocktail-restaurant nikkei Azotea protagonista al Fuori Salone del Vermouth di Torino

0
5

Martedì 20 e giovedì 22 febbraio il cocktail-restaurant nikkei di Torino Azotea parteciperà al Fuori Salone del Vermouth: il palinsesto di appuntamenti diffuso nel capoluogo piemontese e spin-off del primo Salone del Vermouth, kermesse ospitata al Museo Nazionale del Risorgimento Italiano il 24 e 25 febbraio.

Martedì il bar manager Matteo Fornaro e il bartender Emanuele Gamba saranno a La Centrale Lavazza per il Vermouth Contest Special Edition, una serata che vedrà i migliori bartender della città sfidarsi, preparando signature drink a base vermouth, davanti a una giuria d’eccezione, composta da esperti del settore e dal pubblico. Giovedì, da Azotea, verrà invece servito un menu degustazione, con i piatti dello chef Alexander Robles e i sips in accompagnamento del bar manager Matteo Fornaro a base di vermouth Carpano.
Il vermouth è uno dei prodotti più rappresentativi di Torino e del Piemonte. Oggi ha anche un evento dedicato, che ne decreta l’importanza culturale e sociale” ha dichiarato il bar manager e co-proprietario Matteo Fornaro. “Per il Vermouth Contest abbiamo deciso di preparare due cocktail molto diversi fra loro: uno più incisivo, che ci rappresenta appieno, e un altro più morbido, pensato per avvicinare il pubblico alla nostra idea di miscelazione. Per la serata del 22, invece, abbiamo costruito degli abbinamenti cercando di valorizzare, da un lato le proprietà dei diversi tipi di vermouth e, dall’altro, gli abbinamenti gastronomici dello chef, come amiamo fare tutti i giorni nel nostro menu degustazione”.

Matteo Fornaro

I COCKTAIL DEL VERMOUTH CONTEST SPECIAL EDITION

A La Centrale Lavazza Matteo Fornaro ed Emanuele Gamba prepareranno due ricette. La prima è un signature gastronomico, fedele espressione della miscelazione del bar manager. Il mezcal, cotto con melanzana e kiwi, verrà abbinato a vermouth Carpano Rosso, a un cordiale di cranberry, anche detto mirtillo rosso, e a foglie di prezzemolo. Il risultato finale sarà affumicato, dolce, acidulo ed erbaceo. Il secondo drink è invece un twist sull’Americano: un classico della miscelazione italiana e internazionale. In questo caso, la ricetta verrà ripresa con l’utilizzo di un blend di vermouth – il deciso e agrumato Carpano Classico e il dolce-amaro Punt & Mes – e del contemporaneo Bitter Fusetti, ai quali verranno aggiunti kiwi chiarificato e mela chiarificata. Al termine, il drink verrà gassificato.

Alexander Robles

IL MENU DELLA SERATA

Dall’Italia al Perù, passando per il Giappone. Il percorso degustazione sarà un vero e proprio viaggio gastronomico: sei piatti con altrettanti sips in abbinamento, studiati appositamente per unire Occidente e Oriente. Per iniziare, una delle ricette nikkei per eccellenza, il Tiradito. In questo caso, a base di carne cruda di manzo condita con un dressing a base di frutta esotica, tra cui perle di tapioca e guanàbana, servita con tuorlo marinato in salsa di soia, miso e zenzero e completata con capperi, olive nere peruviane ed erba cipollina. In abbinamento, il Sip Uno, con Carpano Rosso, mezcal, kiwi, melanzana, cranberry e prezzemolo. A seguire, il secondo antipasto Shabu Shabu a base di anatra cotta in salsa di soia, zenzero e miso e decorata con l’achiote, una spezia utilizzata come colorante in Sud America. In accompagnamento, Sip Due, realizzato con Carpano Dry, kiwi, pomodoro e mora. Poi, sarà il momento di due ricette ispirate alla tradizione gastronomica peruviana più povera: Ají de gallina, un piatto a base di cosce di pollo cotte in sous vide, pelle di pollo essiccata e soffiata in olio di semi bollente, crema di peperoncini aji amarillo, cipolla bianca, latte di soia e curcuma e cialde di riso soffiate, e Causa Rellena. Nel piatto, le patate gialle e viola bollite, schiacciate e condite con lime, barbabietola e wasabi saranno accompagnate da un’insalata russa con carote, rabarbaro, edamame e cipolle in agrodolce.
Ad affiancare le due ricette, rispettivamente il Sip Tre, con Carpano Dry, giardiniera, mela e mostarda di frutta, e il Sip Quattro, con Carpano Dry macerato con fiori di lavanda Sakè Konishi Hiyashibori Gold, liquore homemade al tè verde, yuzu e soda alle foglie di sedano.
Infine, a completare il menu, la Sopa Wonton, una delicata zuppa della cucina Chifa con taglierini in brodo di vitello, maiale e dashi di bonito, controfiletto salmistrato, mais reventado, bok choy, funghi e ravioli wonton e la Mejilla de cochinito, un piatto della cucina novoandina composto da guancia di maiale arrosto glassata con una riduzione a base di vermouth Carpano Antica Formula, olluco a lamelle, besciamella di mango e lucuma, completata con foglie di shiso in tempura. Ad accompagnare le due ricette, il Sip Cinque, con Carpano Antica Formula, whisky, funghi, alloro e limone, e il Sip Sei, una sangria rivisitata con l’utilizzo di Punt e Mes Carpano, e chicha morada, una bevanda tipica peruviana a base di mais viola cotto con spezie e in questo caso anche fiori di camomilla e vaniglia, per richiamare la sensazione del vino. I sapori degli agrumi della ricetta originale verranno ripresi dal dry curaçao Pierre Ferrand, un liquore alle arance, e abbinati a quelli del raicilla, un distillato di agave artigianale.
Il menu sarà servito a un prezzo di 65 euro, con sips pairing in abbinamento a 40 euro. Per info e prenotazioni, è possibile telefonare al numero 328 634 2213 o prenotare attraverso il sito di Azotea.

IL VERMOUTH CARPANO. I DRINK DI MATTEO FORNARO

1.    Carpano Rosso, mezcal, kiwi, melanzana, cranberry e prezzemolo
2.    Carpano Dry, kiwi, pomodoro e mora
3.    Carpano Dry, giardiniera, mela e mostarda di frutta
4.    Carpano Dry macerato con fiori di lavanda, Sakè Konishi Hiyashibori Gold, liquore homemade al tè verde, yuzu e soda alle foglie di sedano
5.    Carpano Antica Formula, whisky, funghi, alloro e limone
6.    Sangria rivisitata con l’utilizzo di Punt e Mes Carpano e chicha morada (bevanda tipica peruviana a base di mais viola cotto con spezie e in questo caso anche fiori di camomilla e vaniglia), dry curaçao Pierre Ferrand (liquore alle arance) e raicilla (distillato di agave artigianale)