La S.Pellegrino Young Chef Academy Competition 2024 apre le porte agli chef under 30 più talentuosi

0
1

Sono aperte le candidature alla 6° edizione della S.Pellegrino Young Chef Academy Competition, porta di ingresso per il progetto internazionale ideato dal Gruppo Sanpellegrino per offrire ai giovani talenti di tutto il mondo l’opportunità di entrare a far parte di un network globale e di un programma di formazione permanente unico nel suo genere. La competizione è aperta a chef e sous chef under 30 che potranno candidarsi proponendo il proprio piatto signature entro il 19 giugno 2024. Tappa fondamentale del contest è la designazione delle giurie regionali a cui spetterà il compito di scegliere i giovani chef che si sfideranno per la conquista del primo posto a livello globale durante la finalissima internazionale nel 2025.

Davide di Fabio, Giancarlo Perbellini, Matteo Metullio

I protagonisti della giuria italiana della nuova edizione di S.Pellegrino Young Chef Academy Competition sono stati scelti da Sanpellegrino per la loro consolidata esperienza e per l’abilità dimostrata nel dare un’impronta distintiva ai ristoranti in cui operano, trasmettendo la propria visione della gastronomia. Scopriamo insieme i nomi dei grandi professionisti svelati durante la conferenza stampa dedicata presso Identità Golose Milano, l’Hub internazionale della gastronomia di via Romagnosi, 3:

Davide di Fabio

Classe 1985, lombardo di nascita ma abruzzese d’adozione, sul suo curriculum vanta un’esperienza di oltre 15 anni nella cucina dell’Osteria Francescana di Modena. Nella brigata di Massimo Bottura è rimasto fino al 2021, quando ha deciso di trovare e percorrere la propria strada diventando chef del ristorante Dalla Gioconda di Gabicce Monte, 1 stella Michelin. Davide Di Fabio è un cultore dei piatti dal sapore vero e diretto, e molto attento ai temi della sostenibilità, il suo ristorante è stato il primo in Italia a ottenere la certificazione plastic free abolendo del tutto la plastica mono uso.

Karime Lopez

Chef al Gucci Osteria di Massimo Bottura, nella sua cucina utilizza ingredienti italiani unendoli alle influenze da tutto il mondo. Nata a Città del Messico, a soli 19 anni è a Parigi per studiare arte quando decide di partire per la Spagna e cambiare il suo percorso. L’importante trascorso da sous chef per 5 anni al Central di Lima, in Perù, con Virgilio Martinez, è stato solo l’ultima di una serie di tappe fino all’approdo nel 2018 a Gucci Osteria da Massimo Bottura. A dicembre 2019 arriva la prima stella Michelin, prima donna messicana di sempre.

Karime Lopez

Matteo Metullio

Conquistare la stella Michelin nel locale di cui era appena diventato chef – la Siriola a San Cassiano, in Alta Badia – ne ha fatto per molto tempo il più giovane chef stellato d’Italia. Era il 2013 e oggi, dieci anni più tardi, questo primato ha lasciato il posto ad altri: come, per esempio, aver portato per la prima volta due stelle Michelin nella città di Trieste. Matteo Metullio è chef dell’Harry’s Piccolo Restaurant e dell’Harry’s Bistrò.

Giancarlo Perbellini

Con i suoi nove locali e le due stelle Michelin conquistate nel ristorante Casa Perbellini 12 Apostoli di Verona, Giacomo Perbellini non è solo tra gli chef più importanti del panorama gastronomico italiano, ma anche un modello di imprenditorialità basato su sperimentazione e nuovi format, un esempio per moltissimi giovani chef italiani.

Isabella Potì

Chef del ristorante Bros di Lecce, per una «cucina territoriale concettualizzata, con l’idea di tornare all’essenza della tradizione salentina», con una particolare attenzione alla pasticceria. È unanimemente considerata uno dei profili verdi più premettenti dell’Italia golosa. Nata nel 1995 a Roma da madre polacca e padre leccese, nel 2017 è stata inclusa nella lista di Forbes Under 30 per la categoria “The Arts – Europa”.

Isabella Potì

I senior chef hanno accettato l’importante incarico di guidare e ispirare i giovani partecipanti lungo il percorso. La S.Pellegrino Young Chef Academy Competition è molto più che un semplice contest culinario: chi partecipa sceglie di prendere parte all’ambizioso progetto della S.Pellegrino Young Chef Academy che ha l’obiettivo di rendere il mondo un posto migliore grazie alla cucina.

La S.Pellegrino Young Chef Academy è una community globale nata per portare avanti l’impegno di S.Pellegrino nel definire il futuro della gastronomia e la Competition rappresenta il punto di accesso principale a tutto ciò. Essere arrivati alla sesta edizione è per noi un momento di gioia e celebrazione, ma anche di profonda riflessione sul valore che questa competizione ha portato nel mondo della gastronomia. Per i giovani aspiranti chef di tutto il mondo questa è l’opportunità perfetta per dimostrare le proprie abilità, creare legami indelebili con altri talenti emergenti, imparare da coloro che hanno lasciato il segno in questo settore e condividere la propria identità, la propria idea di cucina, la propria storia. Per Sanpellegrino, SPYCA rappresenta molto più di una semplice competizione culinaria. Da sei anni, questo percorso biennale unisce nazioni e culture gastronomiche diverse, promuovendo la diversità, la creatività e l’inno-vazione nella cucina.” ha commentato Michel Beneventi, Amministratore Delegato del Gruppo Sanpellegrino.

La S.Pellegrino Young Chef Academy Competition per il 2024-25 darà il benvenuto ai giovani chef che desiderano mettere alla prova sé stessi e le proprie abilità ottenendo una visibilità globale. I giovani chef under 30 avranno la possibilità di iscriversi sul sito http://sanpellegrinoyoungchefacademy.com/the-competition/application-form fino al 19 giugno 2024, inviando la ricetta di un signature dish capace di comunicare la propria visione e mostrare le proprie abilità e creatività. Come per le edizioni precedenti, la prima fase della selezione verrà valutata da ALMA, la Scuola Internazionale di Cucina Italiana. ALMA stabilirà una prima lista di giovani chef selezionati che parteciperanno alle Regional Finals che si terranno in tutto il mondo nella seconda metà del 2024.

I vincitori regionali andranno a competere all’evento Grand Finale per vincere il S.Pellegrino Young Chef Academy Award per il 2024-25. Per vincere il titolo, gli chef dovranno impressionare la Grand Jury globale, un panel composto da chef rinomati e stimati in tutto il mondo, dimostrando le proprie abilità culinarie senza pari così come la loro creatività. Per vincere, si deve anche dimostrare la propria passione per la gastronomia, convincendo la giuria delle proprie abilità nel diventare una figura capace di stimolare un cambiamento positivo nel settore. L’ultima edizione ha visto lo chef Nelson Freitas trionfare, emergendo come il migliore chef under 30 al mondo.

Come ulteriore riconoscimento dell’incredibile talento di Freitas, l’Academy gli ha offerto un’esperienza educativa unica in Perù al fianco di una figura rinomata nella community globale degli chef, Virgilio Martínez, il cui ristorante Central, a Lima, si è posizionato al primo posto della classifica The World’s 50 Best Restaurants per il 2023. Al suo fianco, Freitas avrà un’opportunità speciale per perfezionare la propria crescita professionale, imparando e prendendo ispirazione dal migliore della categoria.

Ripensando al suo percorso durante la competizione, lo chef Nelson Freitas ha così commentato: “S.Pellegrino Young Chef Academy Competition è stata un’esperienza fantastica, che mi ha permesso di fare molte conoscenze e condividere informazioni sul mestiere, la cultura e conoscenze di cucina, ovviamente. Sento di essere cresciuto sia professionalmente, sia umanamente, scoprendo nuovi orizzonti e rinnovando la mia motivazione per il futuro. Per me non è stata la fine di un qualcosa, quanto l’inizio di un nuovo percorso. La competizione è il contesto ideale per tutti i giovani chef che desiderano mettere in mostra il proprio lavoro e mettere alla prova sé stessi. Il mio consiglio per i nuovi partecipanti è: portate con voi qualcosa di personale, qualcosa con cui avete una profonda connessione, così da mostrare il meglio di voi!

Durante la competizione, i partecipanti si sfideranno per aggiudicarsi anche i tre premi aggiuntivi che riconosceranno e premieranno gli approcci e visioni dei giovani chef nel creare un cambiamento positivo tramite la cucina e il cibo:

S.Pellegrino Social Responsibility Award: votato dalla Sustainable Restaurant Association, che gestisce Food Made Good, il programma di sostenibilità del servizio alimentare e community globale del settore più grande al mondo (che si occupa di rendere più sostenibile il settore dell’ospitalità). Il piatto vincitore in questa categoria rappresenta il principio secondo cui il cibo è migliore quando è frutto di pratiche sociali responsabili, rispettando dei requisiti nel campo dell’ambiente, della società e della sua produzione.

Acqua Panna Connection in Gastronomy Award: votato dai Mentor, vince questo premio chi riesce a cucinare un piatto che rappresenta al meglio il patrimonio culinario del proprio paese di nascita. Il piatto dovrebbe mettere in risalto le pratiche e tradizioni culinarie, unite a una visione personale più moderna, collegando così passato e futuro in un unico piatto.

Fine Dining Lovers Food for Thought Award: votato dalla community di Fine Dining Lovers, questo premio viene assegnato al giovane chef che rappresenta al meglio la propria visione culinaria con il proprio piatto personale (signature dish).

Per saperne di più sull’iniziativa, si può visitare il seguente sito: www.sanpellegrinoyoungchefacademy.com.

Informazioni sulla S.Pellegrino Young Chef Academy
La gastronomia ha il potenziale di trasformare la società, andando a definire un futuro più inclusivo e sostenibile. Ma riuscirci richiede del talento. Ecco perché S.Pellegrino ha creato la S.Pellegrino Young Chef Academy, una piattaforma per attrarre, mettere in contatto e far crescere la prossima generazione di talenti culinari. Un ambiente che darà la possibilità di crescere ai nuovi talenti, tramite opportunità di educazione, mentoring ed esperienze lavorative, così come tramite la propria competizione globale rinomata.
L’ Academy apre le proprie porte a membri provenienti da oltre 70 paesi diversi, assicurandosi che il talento non sia mai discriminato in base alla provenienza, etnicità o genere. Si tratta di un luogo dove i giovani chef, forti della loro passione, interagiscono con le più importanti figure al mondo nel settore della gastronomia. Un luogo dove tutti insieme costruiscono una community culinaria capace di ispirare e stimolare.
Per saperne di più, si può consultare il seguente sito: https://www.sanpellegrinoyoungchefacademy.com/ 
Informazioni su S.Pellegrino e Acqua Panna
S.Pellegrino, Acqua Panna e le Bibite Sanpellegrino sono marchi internazionali registrati di Sanpellegrino S.p.A., società basata a Milano, in Italia. Distribuiti in oltre 150 paesi tramite diversi filiali e distributori situati in tutti e cinque i continenti, i prodotti della società rappresentano la qualità e l’eccellenza fin dalle loro origini, interpretando alla perfezione lo stile italiano in tutto il mondo come una sintesi di piacere, salute e benessere. Fondata nel 1899, Sanpellegrino S.p.A. è l’azienda leader nel settore beverage in Italia grazie al proprio catalogo di prodotti, come acque minerali, drink e drink non alcolici per aperitivi.
Sanpellegrino si è sempre impegnata nel migliorare il proprio settore per il bene di tutto il pianeta. La società lavora in modo responsabile e con passione per assicurarsi che tutto il settore e le sue risorse abbiano un futuro roseo e sicuro.