L’open day di Toschi Vignola per celebrare il Nocino di Modena

0
257

Secondo la tradizione, la notte del 24 giugno, in occasione di San Giovanni, le donne salivano sugli alberi di noce delle colline modenesi per raccogliere i malli ancora acerbi e bagnati di rugiada, da utilizzare il giorno successivo per la preparazione del Nocino. Toschi Vignola celebra questa tradizione con un open day dedicato alla promozione del Nocino di Modena.
La ricetta originale, tramandata di generazione in generazione, prevede l’utilizzo di soli quattro ingredienti, tutti naturali: malli di noce, alcool puro, zucchero e acqua. Opzionale è l’aggiunta di cannella e chiodi di garofano.
Ancora oggi, il Nocino di Modena Toschi viene lavorato secondo le direttive del disciplinare produttivo di “Tradizione e Sapori di Modena”, utilizzando come materia prima malli di noci raccolte ancora acerbe. La lunga macerazione in alcol e zucchero, che dura ben nove mesi conferisce all’infuso un profilo sensoriale unico e inconfondibile, con note intense e complesse che richiamano il cioccolato, il caffè e la liquirizia.
Per i palati più raffinati, Toschi ha realizzato anche un Nocino di Modena Riserva. Un prodotto ancora più pregiato, dalla miscelazione di diverse annate di Nocino lasciate affinare per almeno cinque anni in botti di rovere.

Un liquore versatile per infinite creazioni

Il Nocino Toschi non è solo un eccellente digestivo, ma anche un ingrediente singolare per la creazione di cocktail innovativi e raffinati, sia classici che signature twist, come lo Sturm und Drang e l’Americano Balsamico.

Per l’elevata versatilità è inoltre un elemento per arricchire creazioni di pasticceria, a partire dalla classica torta cioccolato e Nocino, fino a creme, semifreddi e gelati. Per le festività invernali, la collaborazione tra Toschi e l’azienda di pasticceria artigianale Flamigni 1930 ha ideato il Panettone artigianale farcito proprio con crema al Nocino di Modena Toschi.

Leader di mercato

Il Nocino di Modena Toschi è il Nocino di Modena preferito dai consumatori (dati Circana vendite a volume iper, super, superette) tra le aziende che seguono la ricetta del disciplinare. Nell’anno 2023 l’azienda ha lanciato la limited edition firmata Modena Calcio FC che ha contribuito per il 30% alla crescita.

“Il Nocino di Modena è un prodotto che ci sta particolarmente a cuore – commenta Stefano Toschi, CEO di Toschi Vignolaperché rappresenta la tradizione e la storia del nostro territorio di cui l’azienda si fa promotrice così come altri prodotti quali l’Amarena. Siamo orgogliosi di essere leader di mercato in Italia e di poter offrire ai nostri consumatori un liquore di altissima qualità, realizzato con ingredienti selezionati e secondo la ricetta originale tramandata di generazione in generazione. L’open day è finalizzato a promuovere la versatilità di questo prodotto, a estenderne le occasioni d’uso tra i consumatori e i professionisti”.

Toschi Vignola nasce nel 1945 dall’idea dei fratelli Giancarlo e Lanfranco Toschi che grazie ad un’abbondante annata di ciliegie decidono di produrre industrialmente quella che era sempre stata una tradizione di famiglia: la ciliegia sotto spirito.
Nasce così il primo di una lunga serie di prodotti del territorio che ha reso l’azienda famosa nel mondo e che oggi esporta in oltre 80 paesi del mondo la qualità di una gamma che spazia dall’amarena candita in sciroppo ai topping, dagli sciroppi per bevande, ai liquori come Nocino di Modena, Fragolì e Lemoncello. Posto importante occupano gli Zero+, la linea di drink senza calorie e senza zuccheri aggiunti lanciata sul mercato nel 2019 e che sta registrando -nel comparto degli ‘sciroppi zero’- il trend di crescita più alto nelle vendite al pubblico in Italia. Il marchio Toschi è, dall’ottobre del 2022, Marchio Storico di Interesse Nazionale.

Fonte: Horecanews.it