Alla scoperta del Gin Basil Smash: storia, curiosità, abbinamenti

0
153

Il World Gin Day si celebra il secondo sabato di giugno e coinvolge milioni di appassionati e bartender; oggi 8 giugno abbiamo deciso di celebrarlo con il Gin Basil Smash.

LA STORIA

Il Gin Basil Smash nacque nel 2008 ad Amburgo, in Germania, per mano del bartender Jörg Meyer del Le Lion Bar de Paris. Parliamo di un drink fresco, semplice ma al tempo stesso complesso, che unisce la robustezza del gin con la freschezza del basilico. Il 10 luglio dello stesso anno, il cocktail apparve su Bitter Blog, sia pure con il nome originario (e non particolarmente felice) “Gin Pesto”.
Un po’ per la particolarità della ricetta, dovuta alla presenza del basilico, un po’ per l’inconsueto colore verde, il drink attirò subito l’attenzione dei clienti, anche se Meyer continuò per un po’ di tempo a cercare la formula ideale sperimentando diversi tipi di gin: il primo sarebbe stato il francese G’Vine, anche a seguito della richiesta di John Gakuro, brand ambassador del brand, di organizzare un evento nel Le Lion Bar de Paris; successivamente provò Beefeater e Tanqueray, fino a quando trovò l’ingrediente ideale nell’olandese Rutte Celery Gin, dalle spiccate note erbacee date anche dalla presenza del sedano.
L’ultimo tocco fu la sostituzione del mezzo limone, che inizialmente veniva pestato col basilico, con succo di limone fresco. Oltre al cambio del nome nel più accattivante Gin Basil Smash. La popolarità del cocktail crebbe rapidamente, grazie anche alla strategia di marketing di Meyer, che seppe sfruttare i blog e i social media per promuovere la sua creazione.

IL NOME

Gin e basil (basilico in inglese) fanno ovviamente riferimento ai due ingredienti principali del drink. Smash è invece una categoria di cocktail dalla definizione piuttosto vaga a seconda delle epoche e delle fonti, ma accomunati in sostanza dalla presenza di un distillato, un dolcificante, menta (in alcuni casi sostituita da altre erbe, nel nostro caso il rosmarino, appunto), ghiaccio e – a volte – frutta.
Sembra che Jörg Meyer avesse deciso di creare proprio uno smash per lanciare il suo locale di Amburgo dopo avere assaggiato a New York un Whisky Smash preparato dal grande bartender Dale Degroff.

LA RICETTA UFFICIALE IBA

Come accennato, il Gin Basil Smash è entrato a far parte della lista ufficiale dei cocktail Iba da pochi mesi, con la pubblicazione della settima edizione della codifica, che ha incluso fra i “New Era Drinks” alcuni dei drink più di tendenza degli ultimi anni.

Tecnica: Shake and Double Strain
Bicchiere: coppetta a cocktail
Ingredienti:
60 ml gin
22,5 ml succo fresco di limone
22,5 ml sciroppo di zucchero
10 foglie di basilico italiano

LE VARIANTI

Innanzitutto, è bene tenere presenti i consigli dello stesso Meyer per la preparazione del suo cocktail: “È molto meglio mettere più basilico nel drink che non metterne abbastanza!”. E ancora: “Tenete bene in mente! 5 cl di gin non sono abbastanza; 6 cl di gin sono quelli perfetti per la ricetta; con 7 cl di gin diventa amore!”.
Fra i “tips” pubblicati dalla stessa Iba in calce alla ricetta si consiglia, fra l’altro, di realizzare un kombucha aromatizzato al basilico e utilizzarlo come allungo per il drink, o di aggiungere delle gocce di liquore al pino (tipo Quaglia) oppure della Chartreuse verde o anche dell’Acqua di Cedro Nardini.
In alternativa si può realizzare un cordiale di erbette fresche mediterranee, come ad esempio basilico, timo serpillo, rosmarino, maggiorana, lemon verbena…

IL GIN BASIL SMASH IN MUSICA

Data la sua giovane età, fino a oggi il Gin Basil Smash non ha trovato spazio in alcun film di cui abbiamo notizia, però ha comunque collezionato almeno un paio di citazioni musicali “underground”, entrambe provenienti dalla Germania come lo stesso cocktail.
Gin Basil Smash è infatti il titolo di una composizione del 2022 del musicista tedesco Neele Harder (clicca qui per ascoltarla su Spotify).
Analogo titolo per un brano del 2023 di Sless Praismo (clicca qui per ascoltarlo su Spotify), contenuto in un EP intitolato anch’esso “Gin Basil Smash” e comprendente altre tre tracce “a tema”: “Gin”, “Lemon” e “Basil”.
In entrambi i casi si tratta di pezzi di genere “ambient”, perfetti per accompagnare un aperitivo…

GIN BASIL SMASH E FOOD PAIRING

Le note fresche e aromatiche del Gin Basil Smash si possono accostare a una insalata caprese, la cui combinazione di mozzarella, pomodori, basilico e olio d’oliva si sposa perfettamente con gli aromi erbacei del drink.
E perché non accompagnarlo con una pasta al pesto, puntando sulla presenza del basilico in entrambe le ricette? Dopotutto, in origine il cocktail si chiamava “Gin Pesto”… Oppure con una insalata mista con foglie di basilico fresco, rucola, spinaci e altri ingredienti verdi.
Da provare anche in abbinamento a formaggi freschi cremosi e delicati come la ricotta o la burrata. Ma non è tutto: il Gin Basil Smash si sposa bene pure a piatti di pesce come il salmone alla griglia o il carpaccio di tonno, dal momento che basilico e gin si armonizzano con i sapori marini.

 

Fonte: Horecanews.it